Ultima modifica: 3 maggio 2016

Regolamento d’istituto

REGOLAMENTO SCOLASTICO

VITA DELLA COMUNITA’ SCOLASTICA

1. La scuola è luogo di formazione e di educazione mediante lo studio, l’acquisizione delle conoscenze e lo sviluppo della coscienza critica.
2. La scuola è una comunità di dialogo, di ricerca e di esperienza sociale, informata ai valori democratici e volta alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni. In essa ognuno, con pari dignità e nella diversità dei ruoli, opera per garantire la formazione alla cittadinanza, la realizzazione del diritto allo studio, lo sviluppo delle potenzialità di ciascuno e il recupero delle situazioni di svantaggio, in armonia con i principi sanciti dalla Costituzione e dalla Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia e con i principi generali dell’ordinamento italiano. 3. La comunità scolastica, interagendo con la più vasta comunità civile e sociale di cui è parte, fonda il suo progetto e la sua azione educativa sulla qualità delle relazioni insegnante-studente, contribuisce allo sviluppo della personalità dei giovani, anche attraverso l’educazione alla consapevolezza e alla valorizzazione della identità di genere, del loro senso di responsabilità e della loro autonomia individuale e persegue il raggiungimento di obiettivi culturali e professionali adeguati all’evoluzione delle conoscenze e all’inserimento nella vita attiva.
4. La vita della comunità scolastica si basa sulla libertà di opinione ed espressione, sulla libertà religiosa, sul rispetto reciproco di tutte le persone che la compongono, quale che sia la loro età e condizione, nel ripudio di ogni barriera ideologica, sociale e culturale.

DIRITTI

Lo studente, all’interno del suo processo formativo a cui concorrono sia la famiglia che la scuola, ha i seguenti diritti:
1) diritto alla tutela e valorizzazione della propria unicità personale, culturale, etnica e religiosa;
2) diritto di essere informato sulle decisioni e sulle norme che regolano la vita della scuola;
3) diritto alla salvaguardia della dignità personale;
4) diritto alla regolarità e continuità delle lezioni e delle attività educative;
5) diritto ad un orario scolastico il più possibile consono ad un proficuo e sereno svolgimento dell’attività didattica;
6) diritto ad avere informazioni chiare sul lavoro da svolgere, sugli obiettivi da raggiungere e sui criteri di valutazione;
7) diritto ad ottenere chiarimenti dai docenti su quanto spiegato o richiesto;
8) diritto ad un clima democratico nella vita della classe e della scuola;
9) diritto a poter avere colloqui individuali con gli insegnanti e con il Dirigente Scolastico stesso, finalizzati alla soluzione di problemi particolarmente sentiti a livello personale;
10) diritto ad essere preparato ad orientarsi rispetto alle proprie scelte future;
11) diritto a ricevere una valutazione trasparente e tempestiva, volta ad attivare processi di autovalutazione;
12) diritto a lavorare in un’atmosfera serena e distesa;
13) diritto ad essere gratificato nei suoi progressi e ad essere aiutato a sviluppare l’autostima;
14) diritto ad essere valorizzato in attività in cui ciascuno possa evidenziare le proprie capacità.

DOVERI/PRESCRIZIONI/DIVIETI

Lo studente ha i seguenti doveri/prescrizioni/divieti :
1. salutare educatamente tutte le persone con le quali entra in contatto all’interno della scuola;
2. non offendere, non usare violenza fisica, anche se provocati; non minacciare o farsi giustizia da sé, né protrarre gli scherzi e le prese in giro fino al punto di far soffrire veramente qualcuno (ogni contrasto fra alunni va rapidamente superato con l’aiuto di un docente e, solo successivamente, rivolgendosi al Dirigente Scolastico);
3. non creare in classe situazioni che siano di disturbo per l’insegnamento e l’apprendimento;
4. esprimersi con un linguaggio corretto;
5. rispettare i propri compagni, le autorità scolastiche, gli insegnanti, il personale di segreteria, i collaboratori scolastici, il personale esterno (esperti, addetti al servizio mensa, autista del pulmino, ecc.);
6. avere il massimo rispetto per l’edificio, per l’attrezzatura( banco, sedia, …), per il materiale didattico (della scuola, personale, dei compagni) e per i mezzi di trasporto. E’ dovere di tutti portare il massimo rispetto all’edificio scolastico, all’arredamento e al materiale didattico. Ogni danno volontario o deterioramento deve essere risarcito, indipendentemente dalle sanzioni disciplinari. Ogni alunno ha il dovere di mantenere l’ordine e la pulizia in tutto l’edificio scolastico, nel cortile, nella palestra e nella propria aula. Ogni classe viene dotata di un contenitore per la raccolta della carta; inoltre, per formare buone abitudini civiche sul riciclaggio dei rifiuti e, viste le ordinanze comunali sulla raccolta differenziata, vengono posti appositi contenitori sia all’interno che all’esterno dell’edificio scolastico. Chi usufruisce dei servizi igienici è tenuto a lasciarli puliti e in ordine per rispetto di sé e degli altri. E’ vietato, in parte anche per motivi igienici, il consumo di gomma americana;
7. tenere, anche durante il percorso in scuolabus un comportamento educato e tranquillo; rispettare i compagni ed evitare qualsiasi azione possa recare disturbo a chi è alla guida del pulmino. Analogo comportamento va tenuto durante le trasferte per viaggi e visite d’istruzione;
8. curare la pulizia e l’igiene personali e avere un abbigliamento consono al luogo frequentato;
9. non sporgersi dalle finestre e ammassarsi vicino ai davanzali;
10. non consumare la merenda durante le lezioni;
11. avere un diario/libretto personale che deve essere tenuto con diligenza perché documento necessario alla scuola. Gli alunni dovranno scrivere nel diario/libretto personale i compiti, le assenze, le comunicazioni scuola-famiglia e le giustificazioni;
12. portare sempre a scuola, oltre al libretto e al diario scolastico, tutto il materiale utile per le attività del giorno;
13. stare attento alle spiegazioni dei docenti;
14. chiedere chiarimenti al docente, se qualcosa di ciò che ha spiegato non risultasse chiara;
15. partecipare attivamente alle lezioni, cercando di intervenire in modo pertinente e ordinato;
16. svolgere con diligenza i compiti assegnati;
17. studiare con impegno e regolarità;
18. procurarsi, in caso di assenza, i compiti assegnati per casa, salvo giustificazione dei genitori a riguardo che dichiari l’impossibilità di eseguirli prima del rientro a scuola;
19. per la scuola primaria è richiesto l’uso del grembiule che va indossato durante tutte le attività scolastiche ad eccezione delle giornate in cui è prevista l’Educazione Motoria;
20. appendere giacche, giubbotti, cappotti, ecc., negli appositi attaccapanni. Il corredo di Educazione Motoria deve rimanere nelle apposite sacche, tenuto in ordine e pulito e usato esclusivamente allo scopo;
21. non portare a scuola ciò che non ha attinenza con le attività didattiche (giochi, video-giochi, CD, ecc.). Vanno lasciati a casa oggetti di valore e somme di denaro non necessarie. Il portamonete non va lasciato incustodito. La scuola declina ogni responsabilità per la mancanza o il deterioramento di oggetti di qualsiasi specie, portati o lasciati nelle aule.
22. È vietato portare a scuola il telefonino cellulare dal momento che, tramite le linee telefoniche delle varie sedi dell’Istituto, sono garantite ad alunni e genitori le comunicazioni con carattere di urgenza. Qualora non si rispetti questa regola, l’oggetto verrà sequestrato e sarà riconsegnato ai genitori.
Il cellulare e altri apparecchi elettronici potranno essere ammessi in gita, ma con le limitazioni
di volta indicate dai docenti accompagnatori.
E’ severamente vietato scattare foto o girare filmati senza autorizzazione: la violazione della privacy
di compagni e personale della scuola è punibile ai sensi delle norme vigenti, con sospensione
dell’alunno responsabile del reato e possibile denuncia alle autorità.
N.B. Il mancato rispetto di questi compiti essenziali può portare a sanzioni anche di tipo disciplinare.

ENTRATA, USCITA E SPOSTAMENTI

L’osservanza dell’orario e della puntualità sono premessa indispensabile al regolare svolgimento delle lezioni.
Gli alunni devono trovarsi a scuola nei 5 minuti precedenti l’inizio delle lezioni sia del mattino che del pomeriggio qualora si rechino a casa per il pranzo. Per la Scuola dell’Infanzia devono essere accompagnati a scuola entro e non oltre le ore 9.00 ed entro le ore 13.15 per le attività pomeridiane.
Agli alunni che arrivano con lo scuolabus è garantita la vigilanza fino all’inizio delle lezioni.
In caso di maltempo e di giornate particolarmente fredde, gli alunni entrano nell’atrio della scuola senza accedere alle aule. Tutti gli alunni devono comportarsi in modo corretto e responsabile.
L’alunno una volta entrato nel cortile annesso all’edificio scolastico non può allontanarsi dalla scuola fino al termine delle lezioni.
Al suono della campanella, gli alunni, predisposti per classi, si recano al più presto nelle rispettive aule, accompagnati dagli insegnanti della prima ora.
In caso di assenza dell’insegnante di classe, gli alunni vengono posti sotto diretta sorveglianza dei docenti incaricati della supplenza.
L’entrata, l’uscita e gli spostamenti all’interno della scuola devono essere effettuati senza correre, nel massimo ordine e silenzio, sotto la guida dell’insegnante, in modo da non recare disturbo.
Nel cambio dell’ora, gli alunni attendono all’interno dell’aula l’insegnante successivo mantenendo un comportamento corretto e salutano il docente quando entra.
La classe si alza in piedi all’entrata del Dirigente Scolastico.
Eventuali uscite dall’aula devono essere autorizzate da un insegnante.
Durante l’intervallo delle lezioni e durante la pausa per la refezione il personale vigila, secondo i turni stabiliti, sul comportamento degli alunni in maniera da evitare che si arrechi danno alle persone o alle cose.
L’intervallo è dato per permettere all’alunno di far merenda, chiacchierare e giocare; non sono ammessi giochi che possano risultare pericolosi e si approfitta, qualora ci sia la necessità, per andare ai servizi.
E’ fatto assoluto divieto di uscire dall’area recintata.
E’ vietato lanciare sassi o altri oggetti ed effettuare giochi violenti che in qualsiasi modo rechino danno ai compagni o alle cose. E’ vietato giocare a pallone.
Durante l’intervallo nessun alunno rimane da solo all’interno delle aule. Il personale docente e non docente garantisce la sorveglianza e l’assistenza degli alunni nei luoghi più opportuni. I docenti, assieme ai collaboratori scolastici, sono impegnati nella vigilanza degli alunni secondo competenze e modalità proprie dei rispettivi ruoli e seguendo il quadro organizzativo predisposto. Solo in caso di cattivo tempo gli alunni rimangono nei locali all’interno dell’edificio scolastico mantenendo un comportamento corretto e assistiti dagli insegnanti con l’aiuto dei collaboratori scolastici.
Non ci si può recare nelle altre classi disturbando le lezioni, se non per motivi validi ed urgenti e con autorizzazione del proprio insegnante (un solo alunno alla volta).
Gli alunni devono rispondere del loro comportamento agli insegnanti addetti alla sorveglianza, anche se non della loro classe.
Al termine delle lezioni gli insegnanti accompagneranno gli alunni fino all’uscita dall’edificio scolastico.
Durante la ricreazione le aule vanno arieggiate.

ASSENZE, RITARDI, GIUSTIFICAZIONI, INFORTUNI E MALESSERI

I ritardatari si devono presentare o accompagnati da un genitore o con giustificazione scritta e sono ammessi in aula con il permesso del Dirigente Scolastico o dell’insegnante di classe.
L’alunno che sia stato assente può essere riammesso alle lezioni, presentando la giustificazione scritta sul libretto personale/diario, firmata da un genitore o da chi ne fa le veci.
Quando l’assenza, causata da malattia, si prolunga per più di cinque giorni, al rientro è necessario produrre il certificato medico che attesti la riammissione a scuola dell’alunno; se l’assenza è inferiore ai sei giorni, è sufficiente la giustificazione scritta dei genitori (non si tiene conto della domenica se l’alunno rientra il lunedì). Nel caso in cui l’alunno, dopo l’assenza, si presenti a scuola o senza certificato medico o senza giustificazione, non va comunque allontanato dalla scuola: la famiglia deve essere informata o a mezzo telefonata o con nota scritta affinché provveda a giustificare l’assenza il giorno successivo.
Per uscire dalla scuola, durante l’orario scolastico, è necessario presentare al Dirigente Scolastico, o all’insegnante, una richiesta scritta da parte dei genitori, ma l’uscita anticipata è permessa soltanto se un genitore o un adulto delegato si presenta a scuola a prendere l’alunno.
Per assenze prolungate non causate da malattia e programmabili da parte della famiglia, occorre l’autorizzazione preventiva da parte del Dirigente Scolastico, sentito il parere dei docenti di classe.
In caso di infortunio o di malessere, i genitori saranno tempestivamente informati e l’insegnante presente organizzerà il soccorso nel modo più tempestivo ed adeguato possibile. In casi ritenuti gravi e urgenti la scuola richiederà immediatamente l’intervento sanitario di emergenza. In caso di infortunio o danno a terzi, l’insegnante dovrà informare la segreteria dell’accaduto e stendere denuncia scritta con la relazione sulla dinamica dell’incidente. Le denunce di infortunio devono essere presentate entro tre giorni dall’episodio. La segreteria inviterà il genitore dell’alunno a presentare al più presto la documentazione medica. Successivamente la segreteria invierà ai genitori l’informativa per l’avvio della procedura delle spese eventualmente sostenute.

RAPPORTI SCUOLA-FAMIGLIA

Ogni alunno deve avere un libretto personale/diario/quadernetto che dovrà essere portato ogni giorno e trattato con la massima cura e utilizzato per annotare tutte le comunicazioni scuola -famiglia. Su tale libretto/diario/quadernetto va riportato anche il recapito telefonico d’emergenza dei genitori durante il tempo scuola, o, per impossibilità, quello di altri adulti di fiducia della famiglia.
I genitori sono tenuti a controllare periodicamente il libretto/diario/quadernetto e ad apporre sempre la propria firma alle comunicazioni..
Ai genitori e a qualsiasi persona estranea alla scuola non è consentito disturbare gli insegnanti durante l’orario di servizio che va dai 5 minuti prima dell’inizio delle lezioni fino al termine dell’orario giornaliero di attività didattica.
I genitori sono tempestivamente informati riguardo gli eventuali problemi scolastici e di comportamento dei loro figli.
La famiglia viene informata con puntualità e regolarità sull’andamento scolastico dei propri figli anche tramite comunicazioni e annotazioni relative alle valutazioni sia orali che scritte.
Colloqui individuali con gli insegnanti, oltre a quelli previsti periodicamente, vanno concordati con i docenti interessati.
Appena possibile vengono comunicati i calendari di ricevimento degli insegnanti, nonché gli orari in cui la segreteria è a disposizione dei genitori. Il Dirigente Scolastico riceve previo appuntamento.
I genitori che vengono convocati per iscritto dagli insegnanti e/o dal Dirigente Scolastico sono tenuti a venire a scuola all’appuntamento dato, o a comunicare al più presto, e comunque prima della data fissata per l’incontro, la propria impossibilità a presentarsi, concordando i tempi ravvicinati di un nuovo appuntamento.
Per quanto riguarda le VISITE GUIDATE/VIAGGI D’ISTRUZIONE, gli alunni che non avranno portato autorizzazione e/o quota prevista entro il tempo stabilito non parteciperanno all’attività programmata.
I genitori che abbiano versato la quota prevista per una visita d’istruzione non possono pretenderne il rimborso totale se il figlio non vi ha potuto partecipare.
Gli alunni che non partecipano alla visita o viaggio d’istruzione, considerate attività didattiche a tutti gli effetti, sono tenuti a recarsi a scuola o a portare la giustificazione di assenza.

SERVIZIO MENSA

Gli alunni che, all’atto dell’iscrizione hanno dato l’adesione al sevizio mensa, possono recarsi a casa per il pranzo, presentando la richiesta della famiglia sul diario/libretto personale.
La consumazione del pasto in mensa costituisce un momento di socializzazione e un’opportunità per l’assunzione di atteggiamenti corretti e consapevoli.
A tale scopo è necessario che:
– prima di accedere alla mensa, sotto la responsabilità dei docenti, gli alunni devono lavarsi le mani;
– all’entrata e all’uscita della sala mensa gli alunni sono accompagnati dagli insegnanti incaricati all’assistenza disponendosi in fila ordinatamente;
– l’attesa e la consumazione del pasto devono avvenire in clima tranquillo, senza mai dar luogo a giochi con posate, bicchieri e a scherzi con il cibo e le bevande, evitando rumori inutili;
– -al termine del pranzo gli alunni, sotto la guida degli insegnanti incaricati alla sorveglianza, provvederanno a sparecchiare i tavoli e a depositare i rifiuti negli appositi contenitori.
Gli insegnanti incaricati sorvegliano tutte le fasi della fruizione del pranzo.
Gli alunni che non hanno usufruito del servizio mensa potranno accedere all’edificio (cortile compreso) solo cinque minuti prima del suono della campanella.

SANZIONI DISCIPLINARI

Qualora gli alunni non rispettino le regole stabilite sono passibili di sanzioni disciplinari.
Gli alunni possono incorrervi per atti scorretti e negligenza.
Ogni provvedimento dovrà avere finalità educative e tendere al rafforzamento del senso di responsabilità e al ripristino di rapporti corretti all’interno della comunità scolastica.
Le sanzioni sono sempre temporanee, proporzionate all’infrazione disciplinare e ispirate al principio di gradualità nonché, per quanto è possibile, al principio della riparazione del danno. Esse tengono conto della situazione personale dello studente, della gravità del comportamento e delle conseguenze che da esso derivano.

SANZIONI DIVERSE DALL’ALLONTANAMENTO TEMPORANEO DALLA COMUNITA’ SCOLASTICA

Tenuto conto della specifica situazione scolastica e della personalità dell’alunno, a seconda della gravità delle mancanze relative a negligenza e mancato rispetto delle regole di convivenza, possono essere decisi:
1. richiami verbali da parte dei docenti e/o dal Dirigente Scolastico;
2. esecuzione a casa di compiti scolastici in aggiunta a quelli assegnati con esclusione, di norma, di consegne meramente ripetitive;
3. annotazioni sul libretto personale/diario e/o annotazione sul registro di classe (nel caso in cui il comportamento rilevato sia tale da rendere necessario procedere a segnalazione sul sopra indicato registro di classe);
4. colloquio insegnante/i-genitori;
5. incontro tra insegnanti, genitori e Dirigente Scolastico;
6. allontanamento dall’aula, per tempi brevi, quando necessario, garantendo la custodia, per ristabilire una situazione di tranquillità per l’alunno e per la classe;
7. permanenza dell’alunno in classe, durante l’intervallo, sotto sorveglianza.
Possono essere decise, invece, dal Consiglio di Classe:
 impiego in lavori di riordino/sistemazione dei materiali (di pulizia dei locali o spazi comuni), di piccola manutenzione, di produzione di elaborati (composizioni scritte o artistiche) che inducano lo studente ad uno sforzo di riflessione e di rielaborazione critica di episodi, non conformi alle regole, verificatisi a scuola;
 non ammissione alle visite d’istruzione, a seguito di ripetuti e gravi comportamenti. L’alunno che non è stato ammesso a partecipare alle uscite ha comunque l’obbligo di frequenza a scuola.

SANZIONI CHE COMPORTANO L’ALLONTANAMENTO TEMPORANEO DALLA COMUNITA’ SCOLASTICA

Le sanzioni si devono ispirare al principio fondamentale della finalità educativa e “costruttiva”, non devono comportare mortificazioni che compromettano l’impegno dello studente e non dovrebbero determinare, di norma, la privazione del servizio scolastico.
Tuttavia in casi estremamente gravi quali lesioni personali a terzi, atti vandalici di particolare entità, comportamenti scorretti che arrechino grave offesa e turbamento al buon funzionamento della Scuola, negligenze e comportamenti scorretti ripetuti, di una certa gravità, si può procedere:
A. alla sospensione fino a 15 giorni (adottata dal Consiglio di Classe e presieduto dal Dirigente Scolastico) dopo aver sentito, a difesa dell’alunno, l’alunno stesso accompagnato dai genitori;
B. alla sospensione per un periodo superiore a 15 giorni (adottata dal Consiglio d’Istituto) se ricorrono due condizioni, entrambe necessarie, 1) devono essere stati commessi “reati che violino la dignità e il rispetto della persona umana , oppure deve esservi una concreta situazione di pericolo per l’incolumità delle persone; 2) il fatto commesso deve essere di tale gravità da richiedere una deroga al limite dell’allontanamento fino a 15 giorni previsto dal DPR 24 giugno 1998 e successivi;
C. alla sospensione fino al termine dell’anno scolastico (adottata dal Consiglio d’Istituto), l’irrogazione di tale sanzione, da parte del Consiglio di Istituto, è prevista alle seguenti condizioni: 1) devono ricorrere situazioni di recidiva, nel caso di reati che violino la dignità e il rispetto della persona umana, oppure atti di grave violenza o connotati da una particolare gravità tali da determinare seria apprensione a livello sociale; 2) non sono esperibili interventi per un reinserimento responsabile e tempestivo dello studente nella comunità durante l’anno scolastico;
D. esclusione dello studente dallo scrutinio finale o non ammissione all’Esame di Stato conclusivo del corso di studi (adottata dal Consiglio d’Istituto) in casi più gravi di quelli indicati nel punto C e al ricorrere delle stesse condizioni ivi indicate.
Le sanzioni disciplinari di cui ai punti B, C e D possono essere irrogate soltanto previa verifica della sussistenza di elementi concreti e precisi dai quali si evinca la responsabilità disciplinare dello studente.
La sanzione disciplinare deve specificare in maniera chiara le motivazioni che hanno reso necessaria l’irrogazione della stessa. Più la sanzione è grave e più sarà necessario il rigore motivazionale, anche al fine di dar conto del rispetto del principio di proporzionalità e di gradualità della sanzione medesima.
Procedimento sanzionatorio:
Il provvedimento disciplinare è irrogato in seguito a una procedura che ha lo scopo di accertare i fatti e di garantire condizioni di equità.
In caso di infrazione grave o reiterata che comporta la sospensione dalle lezioni o l’allontanamento da scuola:

1. Il procedimento sanzionatorio prende avvio con la segnalazione scritta dei fatti costituenti violazioni disciplinari. Tale segnalazione può essere fatta con annotazione dei fatti costituenti violazione disciplinare nel registro di classe (solo a cura dei docenti) e/o comunicazione al Dirigente Scolastico. Tale annotazione e/o comunicazione deve espressamente contenere il nominativo dello studente responsabile del fatto contestato, nonché la descrizione sintetica e puntuale della mancanza disciplinare commessa.
2. Il Dirigente Scolastico avvisa la famiglia dello studente comunicando gli addebiti contestati fissando una data per l’incontro. Durante l’incontro la famiglia espone le proprie ragioni e presenta, eventualmente, memorie o scritti difensivi. Ove vi siano contro-interessati, anche essi dovranno essere ascoltati.
3. Il Dirigente Scolastico, nel termine di quindici giorni dalla segnalazione, convoca il Consiglio di Classe, se questo è l’organismo competente (devono essere presenti anche i rappresentanti dei genitori), o invita il Presidente del Consiglio di Istituto a convocare tale organo. L’adunanza è valida se sono presenti la metà più uno degli aventi diritto al voto.
4. Il Consiglio di classe o il Consiglio di Istituto procede alla discussione della fattispecie in questione. Esaurita la discussione il collegio si pronuncia con una prima votazione a scrutinio segreto sulla opportunità della sanzione e in caso affermativo, con successiva votazione ancora a scrutinio segreto, irroga la sanzione. In tali votazioni prevale la proposta che ottiene la maggioranza dei voti validi. Le schede bianche o nulle non sono computate e non costituiscono voti validi.
5. Il verbale della riunione viene trasmesso al Dirigente Scolastico per la formale emissione del provvedimento disciplinare. In caso di allontanamento dalla comunità scolastica fino al termine delle lezioni, a verbale devono essere precisate le motivazioni per cui non si sono ritenuti esperibili altri interventi che rendessero possibile il reinserimento nella comunità scolastica.
6. Il provvedimento disciplinare deve riportare gli estremi della deliberazione, la motivazione, la sanzione comminata e gli eventuali provvedimenti accessori, la decorrenza e la durata, i termini entro i quali adire eventuali impugnazioni presso l’organo competente. Il provvedimento viene comunicato per iscritto alla famiglia dello studente.

Art. 6 – Impugnazioni
1. Contro le sanzioni disciplinari è ammesso ricorso, da parte di chiunque vi abbia interesse, entro quindici giorni dalla comunicazione della loro irrogazione, all’Organo di Garanzia della scuola, disciplinato dal successivo art. 7. La richiesta va presentato al Dirigente Scolastico che provvede alla sua convocazione.
2. L’Organo di Garanzia decide nel termine di dieci giorni, con provvedimento motivato. Il Dirigente Scolastico comunica il provvedimento deliberato alla famiglia dello studente.
Art. 7 – Organo di Garanzia.
Contro le sanzioni disciplinari disposte dal Consiglio di Classe o dal Consiglio di Istituto è ammesso ricorso motivato da parte dei genitori, entro 15 giorni dalla comunicazione della loro irrogazione, ad un Organo di
Garanzia interno alla scuola, composto da un docente designato dal Consiglio di Istituto, da due rappresentanti eletti dai genitori del Consiglio di Istituto e presieduto dal Dirigente Scolastico. L’arrivo del ricorso sospende la sanzione disciplinare eventualmente in atto, che si completerà immediatamente dopo l’eventuale delibera negativa dell’Organo di Garanzia nei confronti del ricorso che dovrà esprimersi nei successivi dieci giorni; qualora non si esprima entro tale termine, la sanzione non potrà ritenersi che confermata.
L’eventuale accoglimento del ricorso da parte dell’Organo di Garanzia, qualora la sanzione sia in parte o del tutto espiata, determina soltanto l’annullamento dell’atto della sanzione, la sua conseguente sottrazione dal fascicolo personale dell’alunno e la non considerazione ai fini della valutazione quadrimestrale e finale dell’alunno per quanto attiene il comportamento.
La convocazione dell’Organo di Garanzia spetta al Presidente (Dirigente Scolastico) che provvede a designare il segretario verbalizzante. L’avviso di convocazione va fatto pervenire ai membri dell’Organo, per iscritto, almeno quattro giorni prima della seduta.
Per la validità della seduta è richiesta la presenza della metà più uno dei componenti.
Ciascun membro dell’Organo di Garanzia ha diritto di voto; l’espressione del voto è palese; non è prevista l’astensione. In caso di parità prevale il voto del Presidente.
Il Consiglio di Istituto provvederà a nominare membri supplenti in caso di decadenza o incompatibilità.
L’Organo di Garanzia dura in carica nei tre anni coincidenti con la durata del Consiglio di Istituto.
Approvato dal Collegio Docenti il 18/11/2014 e adottato dal Consiglio di Istituto del 4/12/2014 con delibera n.42.